Benvenuti, oggi Ŕ venerdý 14 dicembre 2018 - ore: 21.14
Logo Vittoria Colonna
LICEO VITTORIA COLONNA Istituto Statale di Istruzione Superiore - Arezzo
Telefono: 0575 20218 - Fax: 0575 23589 | ARPM03000B@istruzione.it  |  ARPM03000B@pec.istruzione.it
LA 4 M ESABAC PER MILANO: TRA ARCHEOLOGIA E FUTURMODERNISMO

 

Il 15 marzo 2018  è iniziata la nostra avventura: siamo partiti per la controversa città di Milano, patria dell'economia italica e/o archeologica vestigia di cultura?  Ci son volute 4 ore. Di pomeriggio abbiamo visitato il Memoriale della Shoah, situato sotto la stazione di Milano Centrale, promosso da Ferruccio de Bortoli, che è stato inaugurato il 27 gennaio 2013. Dal cosiddetto binario 21, dove erano caricati e scaricati i treni postali, centinaia di ebrei e deportati politici venivano caricati su vagoni bestiame diretti ai campi di  sterminio di Auschwitz-BirkenauMauthausen. Dal passato ci siamo tuffati nella mostra "Revolution. Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles a Woodstock" in programma alla Fabbrica del Vapore di Milano fino al 4 aprile. Un viaggio negli anni 1966-1970, che hanno cambiato un'epoca, influenzando gli stili di vita fino ai giorni nostri. Un'immersione fra musica, immagini, grafica, design e moda. Il 16 abbiamo visitato la chiesa  di Sant'Ambrogio ( basilica martyrum), che rappresenta ad oggi non solo un monumento dell'epoca paleocristiana e medioevale, ma anche un punto fondamentale della storia milanese e della Chiesa ambrosiana. Poi abbiamo visitato le Colonne di San Lorenzo. Le sedici colonne in marmo, lascito dei Romani, risalgono al III secolo D.C. e vennero qui portate solo in epoca successiva a completamento della Basilica di San Lorenzo che trovate alle spalle delle colonne stesse. Abbiamo poi visitato i navigli dove ci sono pub e ristoranti di ogni genere.  Il pomeriggio è stato dedicato al tour classico della città.  La guida ci ha portato a vedere la spendida cattedrale di Sant'Ambrogio che ospita la famosa "Madunina".Alla destra del Duomo abbiamo visto il Palazzo Reale, oggi sede di mostre d'arte ed esposizioni. Ci siamo diretti verso la Galleria Vittorio Emanuele II, alla sinistra della piazza, una "passeggiata coperta" a forma di croce che unisce Piazza del Duomo a Piazza della Scala. Qui, tra vetrine di griffe d'alta moda e ristoranti tra i più lussuosi della città, siamo giunti al centro della galleria e sulla vostra sinistra noterete sulla pavimentazione un mosaico rappresentante un toro, uno dei simboli di Milano, grazie ad un simpatico rito portafortuna che dovrete provare. Il rito consiste nell'effettuare tre giri su se stessi tenendo il tallone poggiato sulle "palle" del povero toro. Siamo giunti in Piazza della Scala che ospita uno dei teatri più famosi del mondo (Teatro alla Scala) alle quali "prime" presenziano numerose autorità e VIP. Da Piazza della Scala abbiamo percorso via Manzoni fino Via Montenapoleone, calandoci nella realtà di una città famosa per essere una delle capitali della moda. Siamo poi rientrati in Piazza Duomo, imboccando Via Orefici, attraversando Piazza Cordusio, per giungere alla torre centrale del Castello Sforzesco, che ospita vari musei tra cui un interessante sezione egizia ed una pinacoteca. Sabato 17 marzo giorno siamo andati a visitare la Fondazione Prada. Fosse solo per la rinomata eleganza, che contraddistingue il marchio Prada e che trasuda da ogni angolo di questo complesso molto ampio, che ha saputo trasformare con materiali e tinte contemporanei una area industriale, siamo stati felici di visitare la mostra temporanea in atto, che presenta opere importanti di artisti come Boccioni, Balla, Sironi. Ultima tappa lo shopping in Piazza del Duomo. E' stata un'esperienza che non ci scorderemo mai, ci siamo divertiti e abbiamo visto tantissimi monumenti, conosciuto diverse culture, ma soprattutto abbiamo migliorato i rapporti con i compagni di classe e della scuola e anche con i professori.